CBD durante le vacanze. Cosa è consentito?

Pubblicato il

Quali prodotti posso portare con me in vacanza all’estero? Chiunque utilizzi prodotti a base di CBD nella vita quotidiana si imbatterà prima o poi in questa domanda.

Poiché i prodotti naturali a base di CBD derivano dalla pianta della canapa, che in molti luoghi è criminalizzata, in molti Paesi esiste una giungla di leggi confuse. Tuttavia, se i prodotti non hanno un contenuto significativo di THC, allora – soprattutto grazie ai cambiamenti politici degli ultimi anni – ne è consentito un bel po’.
Quindi, se non volete fare a meno della CBD né rischiare un conflitto con le leggi straniere, dovreste dare un’occhiata alla situazione legale della vostra destinazione di vacanza prima di fare le valigie.

Questo articolo si propone di fornire le informazioni necessarie sulla situazione legale nelle destinazioni turistiche più popolari. Se il Paese di destinazione desiderato non compare in questo articolo, siamo spiacenti: purtroppo non possiamo tenere traccia delle leggi di tutto il mondo. Tuttavia, siamo aperti alle domande e siete anche invitati a condividere con noi le vostre ricerche private in modo da poterle aggiungere a questo post.

Disclaimer: al meglio delle nostre conoscenze, forniamo informazioni sulla situazione legale relativa al consumo e al possesso di prodotti a base di CBD. Questo articolo riflette la situazione legale che conosciamo nell’ottobre 2022. Cerchiamo di inserire qualsiasi modifica in questo articolo il più rapidamente possibile, ma probabilmente non riusciamo a recepire subito tutte le modifiche della legge all’estero. Fate ulteriori ricerche per essere sicuri. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per le affermazioni contenute in questo articolo.

Il CBD nell’UE

La situazione giuridica in Europa è relativamente confusa, nonostante alcune direttive fondamentali a livello europeo. In linea di principio, i prodotti CBD lavorati (ad esempio l’olio di canapa) con un contenuto di THC non superiore allo 0,2% sono legali in tutta l’Unione Europea. [1] La Slovacchia è stato l’ultimo Paese dell’UE a rimuovere il CBD dall’elenco delle sostanze vietate nel 2020.
In Belgio, Danimarca, Finlandia, Malta e Portogallo è necessaria la prescrizione del medico per essere sicuri. In Belgio, tuttavia, le quantità fino a 3 grammi sono depenalizzate, mentre in Portogallo il limite è di 25 grammi. [2]

I prodotti CBD trasformati (ad esempio l’olio di canapa) con un contenuto di THC pari o inferiore allo 0,2% sono legali in tutta l’Unione Europea.

Nell’UE, oltre ai Paesi con una legislazione più restrittiva, ci sono anche alcuni Paesi (tendenzialmente sempre più numerosi) più tolleranti. Inoltre, la gestione dei prodotti non trasformati, come i fiori di canapa o i tè, varia da Paese a Paese. Ecco quindi una descrizione dettagliata della situazione nei Paesi limitrofi.

Germania

Al momento la Germania è piuttosto allineata alla linea dell’UE. I prodotti sono legali se hanno un contenuto di THC inferiore allo 0,2% ed è escluso l’uso improprio a scopo di intossicazione. [3] Secondo l’attuale interpretazione della legge, non è escluso l’abuso di fiori e tè a scopo di intossicazione. Fiori e tè sono quindi illegali, a differenza di prodotti lavorati come l’olio di canapa e i cosmetici. Questa posizione è stata confermata nel 2022 da una sentenza della Corte Federale di Giustizia – quindi non portate un fiore in Germania. [4]

ProdottoStato giuridico
Olio di canapa CBDLegale fino allo 0,2% di THC
I fioriIllegale
Prodotti di cura / cosmeticiLegale fino allo 0,2% di THC
Tè alla canapaIllegale
Semi di canapaLegale se non a scopo di coltivazione
Situazione giuridica in Germania

Austria

In Austria, i prodotti a base di CBD possono contenere fino allo 0,3% di THC. [5] A differenza della Germania, anche i fiori e i tè sono legali se il livello di THC è rispettato. Il CBD è venduto in Austria solo come prodotto aromatico, in quanto i prodotti a base di CBD non sono venduti né pubblicizzati come prodotti medicinali o medici, cosmetici, prodotti per fumatori o integratori alimentari e nutrizionali. Per i viaggi di vacanza privati, tuttavia, questa restrizione è poco rilevante, in quanto è diretta contro le aziende.

ProdottoStato giuridico
Olio di canapa CBDLegale fino a <0,3% di THC
I fioriLegale fino a <0,3% di THC
Prodotti di cura / cosmeticiLegale fino a <0,3% di THC
Tè alla canapaLegale fino a <0,3% di THC
Semi di canapaLegale se non a scopo di coltivazione
Situazione giuridica in Austria

Francia

Per molto tempo la Francia ha avuto leggi piuttosto restrittive. Dal 24 gennaio 2022, tuttavia, è praticamente tutto legale per quanto riguarda il CBD, a patto che venga rispettato il limite dello 0,3% di THC.[6] Un punto importante per le vacanze: Fate attenzione quando guidate. Poiché l’emendamento non è ancora stato implementato nella legge stradale, alla guida si applica un limite di tolleranza zero (presumibilmente).[7]

ProdottoStato giuridico
Olio di canapa CBDLegale fino allo 0,3% di THC
I fioriLegale fino allo 0,3% di THC
Prodotti di cura / cosmeticiLegale fino allo 0,3% di THC
Tè alla canapaLegale fino allo 0,3% di THC
Semi di canapaLegale se non a scopo di coltivazione
Situazione giuridica in Francia

Italia

In Italia, il valore limite UE di max. 0,2% di THC. Fino al 2019, questo valore raggiungeva lo 0,6%, fino a quando il nuovo governo non ha emanato nuovi divieti.[8] Dal 2019, tutti i prodotti derivati dalla pianta di cannabis sativa sono illegali, tranne quelli “senza effetto stupefacente”. Poiché non è ancora chiaro come verrà attuata questa direttiva, in Italia esiste una zona grigia dal punto di vista legale tra la vecchia regola dello 0,6%, il nuovo divieto più completo e la direttiva UE dello 0,2%. Tuttavia, al momento non ci sono indicazioni che i prodotti privi di THC rappresentino un problema – la canapa dell’UE con un massimo dello 0,2% di THC può quindi essere consumata tranquillamente durante le vacanze italiane .

ProdottoStato giuridico
Olio di canapa CBDLegale fino allo 0,2% di THC
I fioriLegale fino allo 0,2% di THC
Prodotti di cura / cosmeticiLegale fino allo 0,2% di THC
Tè alla canapaLegale fino allo 0,2% di THC
Semi di canapaLegale se non a scopo di coltivazione
Situazione giuridica in Italia

Liechtenstein

Sì, il Liechtenstein non fa parte dell’UE. In quanto vicino della Svizzera, il piccolo Stato si è comunque guadagnato un posto in questa lista. In Liechtenstein, come in Svizzera, la canapa con un contenuto di THC superiore all’1% è considerata una sostanza stupefacente illegale. [9] Non esistono linee guida più precise per i prodotti a base di CBD. Ci troviamo quindi in una zona grigia dal punto di vista legale. Presumibilmente, i vacanzieri del Liechtenstein non avranno problemi se si atterranno alla regola dell’1%, come invece accadrebbe in Svizzera.

I nostri prodotti e la legislazione UE

Poiché in Svizzera esiste un limite dell’1% di THC per i prodotti a base di CBD, alcuni dei nostri prodotti, soprattutto i fiori, non sono compatibili con le leggi dell’UE. Nel nostro negozio, il contenuto di THC è indicato nelle informazioni sul prodotto.

I nostri oli di canapa ad ampio spettro, completamente privi di THC, possono essere portati sicuramente in vacanza. Tuttavia, si consiglia di fare attenzione agli oli a spettro completo: solo l’olio al 6% con un contenuto di THC dello 0,2% è adatto per le vacanze nell’UE. I nostri prodotti per la cura contengono tutti meno dello 0,2% di THC.
Tea & syrup è prodotto con varietà di canapa certificate dall’UE ed è quindi innocuo, a condizione che queste categorie di prodotti siano consentite nella località scelta. Gli edibles (cioccolato, canapa snack, pesto, …) sono tutti approvati come cibo normale e sono completamente legali – non sono “novel food”.