La storia mai discussa dietro il divieto di canapa, una presentazione di prove

CHF25.00 inkl. MwSt.

Evidenza, politica, cultura: Libro di Annemarie Meyer

2 disponibili

COD: BDG2500 Categorie: ,

Descrizione

Il contesto di una politica disumana sulle droghe – presentato in modo chiaro e comprensibile.

Il divieto di canapa è un retaggio dei tempi razzisti. È necessario riconoscere la storia che ne è alla base e trarne le conseguenze. Perché questo tipo di pensiero non ha perso nulla nella legislazione odierna. Il divieto centenario non è mai servito alla salute, ma alla soppressione delle culture straniere. Né la Convenzione Unica delle Nazioni Unite del 1961 e del 1988, né la Decisione Quadro dell’Unione Europea del 2004 per criminalizzare il consumo e il traffico di cannabis si basano sulla scienza, ma su false informazioni, calcoli economici, razzismo e anche sull’eredità delle idee nazionalsocialiste. Fornire prove di questo background è una questione che sta molto a cuore all’autore. Né le forze dell’ordine, né i tribunali, né i cittadini dovrebbero mai più essere autorizzati a giudicare i consumatori e i commercianti di canapa senza conoscere la storia che c’è dietro.
Wolfgang Neškovic, ex giudice tedesco presso la Corte federale di giustizia di Karlsruhe, era già convinto nel 1992 “che la politica sulle droghe sarebbe diversa se fosse possibile pubblicizzare le informazioni corrette. L’attuale legislazione sulle droghe può essere praticata solo perché c’è una corrispondente mancanza di informazioni tra la popolazione”.

Informazioni aggiuntive

Autore

Annemarie Meyer

Anno di pubblicazione

2023

Editore

Casa editrice Nachtschatten

Numero di pagine

200

Copertina

Copertina morbida

ISBN

978-3-03788-635-9

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La storia mai discussa dietro il divieto di canapa, una presentazione di prove”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *