Cannabis Sativa vs. Indica

Pubblicato il

La cannabis viene spesso classificata come Sativa e Indica. Tuttavia, questa classificazione non è né chiara né realmente significativa.

Classificazione diffusa in Sativa e Indica

La classificazione abbastanza diffusa delle piante di cannabis nei due tipi Cannabis Sativa e Cannabis Indica si basa su molti criteri diversi. [1] Un fattore è la natura fisica e botanica della pianta. Le piante Sativa sono fondamentalmente più grandi e snelle, mentre le piante Indica crescono più piccole e cespugliose. Le foglie di Sativa sono anche più sottili e hanno “dita” più lunghe, mentre quelle di Indica sono di colore più scuro e più larghe.
Le piante sativa più grandi hanno anche un periodo di crescita e di fioritura più lungo.

La Sativa stimola, l’Indica calma?

A parte queste differenze botaniche, molto attenuate da diverse “varietà ibride”, cioè ibridi dei due tipi, la classificazione si basa principalmente su presunte differenze di effetto.
Si dice che le varietà sativa abbiano un effetto stimolante: il consumo fornisce una spinta energetica e favorisce la concentrazione. Le varietà Indica, invece, avrebbero un effetto calmante. Di conseguenza, la Sativa è consigliata durante il giorno e l’Indica di notte.
Tuttavia, questa classificazione si basa quasi esclusivamente su esperienze aneddotiche e sfugge a una base scientifica.

La classificazione è irrilevante da un punto di vista legale: tutte le piante di cannabis sono varietà della pianta Cannabis Sativa L. [2]

Indica e Sativa nella scienza

Le differenze botaniche tra piante sativa e indica possono essere ben giustificate in linea di principio. Tuttavia, questa classificazione è (sempre più) inutile, in quanto pochissime piante possono essere chiaramente assegnate a un tipo. Ci sono anche botanici che dividono la pianta in quattro tipi: cannabis sativa, cannabis indica, cannabis ruderalis e cannabis afghana. [3] Alla fine, però, questo non è molto importante: chi vuole coltivare canapa dovrebbe conoscere le singole varietà, come crescono e quali sono i loro vantaggi – indipendentemente dal fatto che ora si chiami sativa o indica.

La situazione è simile per quanto riguarda gli effetti presumibilmente diversi dei vari tipi. Non esistono studi che dimostrino le differenze di effetto o di contenuto di CBD e THC in misura rilevante. Un altro motivo per dire addio alla classificazione del tipo “sativa vs. indica”.
La distinzione di tipo Sativa o Indica è quindi piuttosto priva di significato, o addirittura fuorviante dal punto di vista del consumatore: le differenze nel contenuto di cannabinoidi (CBD, THC, CBG, …) e terpeni sono enormi da varietà a varietà, indipendentemente dal tipo. [4] Queste differenze chimiche in termini di contenuto di principi attivi sono anche quelle che influenzano effettivamente l’effetto. Pertanto, se è necessario, la classificazione in “chemiotipi” ha molto più senso: ci sono varietà che contengono principalmente THC, varietà con THC e CBD e varietà a forte contenuto di CBD.[5]

La discussione sul senso e l’assurdità della classificazione in Cannabis Sativa e Cannabis Indica assume molto rapidamente caratteristiche scientifiche che sono irrilevanti per i consumatori. È opportuno dire addio alla classificazione ampiamente utilizzata: La classificazione è poco chiara, a volte addirittura sbagliata, e tralascia informazioni importanti. Dal punto di vista del consumatore, è importante – soprattutto in campo medicinale – che venga compilato e comunicato un profilo completo di cannabinoidi e terpeni per ogni singola pianta. Solo in questo modo è possibile valutare in modo affidabile l’effetto in combinazione con l’esperienza e le valutazioni scientifiche.